Facebook Watch: quando il social si trasforma in televisione
"Loading..."

Facebook Watch: quando il social si trasforma in televisione

Error message

Notice: Undefined variable: title in eval() (line 5 of /home/sowhatdigital/public_html/sowhatfactory.it/modules/php/php.module(80) : eval()'d code).

Che la tendenza ultima del mondo digitale fosse indirizzata verso i contenuti video non era certo un mistero, ma che anche Facebook volesse lanciarsi a capofitto nell’ecosistema televisivo, bè non era così scontato. Si perché a breve il social network più famoso del mondo metterà a disposizione degli utenti Facebook Watch, una nuova piattaforma che verrà integrata all'interno di Facebook e permetterà la condivisione e la visione dei video, proprio come una nuova TV digitale. Ma andiamo a vedere nel particolare il nuovo strumento che si pone come innovatore del video sharing online.

 

C’è da dire innanzitutto che Facebook Watch è già a disposizione di un numero ristretto di utenti negli Stati Uniti (visto che prima di lanciarlo definitivamente i tecnici di Facebook hanno voluto monitorare l’andamento del nuovo mezzo) ma presto verrà rilasciato a tutti gli users americani, ed in seguito in tutto il mondo. La nuova piattaforma, che vuole entrare pian piano in diretta concorrenza con You Tube, sarà visibile sotto forma di nuova sezione che ogni utente potrà vedere direttamente entrando con il proprio profilo Facebook.

Facebook Watch

 

La sezione Facebook Watch sarà essenzialmente divisa in due: a sinistra si troveranno i nuovi video caricati in ordine cronologico e quelli più popolari, mentre a destra si potrà visualizzare la propria "watchlist", che consentirà di personalizzare in base ai propri gusti i video che  interessano di più all’utente, oltre a fungere da vera “guida tv”del social, orientando verso i contenuti più discussi, quelli più divertenti, quelli che gli amici stanno guardando.

 

Per quanto riguarda i “programmi” proposti su Facebook Watch c’è da dire poi che spazieranno da serie a episodi a show d’intrattenimento ed eventi sportivi (Facebook detiene già i diritti, tra l’altro, delle partite in diretta della Major League di Baseball) e che si potranno tutti commentare in tempo reale. Nell’immediato inizio comunque si tratterà per lo più di brevi show pubblicati sulla piattaforma di Zuckerberg per conto di una serie di partner, di durata compresa tra cinque e dieci minuti, mentre in futuro si sperimenteranno contenuti di durata compresa tra i 20 e i 30 minuti, arrivando a coprire vere e proprie produzioni sponsorizzate da Facebook stessa e dai partner che hanno già aderito.

Per quanto concerne l’aspetto economico, infine, nei piani di Facebook Watch c’è anche l’inserimento di pubblicità all’interno dei programmi, sotto forma di mid-roll, e la condivisione dei ricavi advertising con i produttori di contenuti dopo che questi avranno recuperato i costi di produzione. Nel particolare si parla della possibilità per i produttori dei programmi di poter scegliere se mettere delle interruzioni pubblicitarie nei loro video: in quel caso dovranno spartire i guadagni con Facebook, che terrà per se il 45 per cento di quei soldi. Insomma la strada imboccata da Zuckerberg and Co. sembra ormai chiara ed oltre a voler essere una nuova forma di digital business dunque Facebook Watch si propone come pioniere del nuovo scenario web-televisivo, con colossi del calibro di You Tube e Netflix che nel frattempo guardano con sospetto ai nuovi piani del diario online più famoso del mondo.